skip to Main Content

Altitudine e Viaggi

Viaggiare verso destinazioni ad alta quota può essere eccitante, stimolante e gratificante.

I viaggiatori che intraprendono escursioni in alta quota, trekking o spedizioni devono effettuare ricerche approfondite, pianificare e preparare con cura (in alcuni casi può includere l’allenamento fisico) con largo anticipo, specialmente se inesperti nei viaggi in alta quota.

Altitudine 2400-3658m – Altissima Altitudine 3658-5500m Altitudine estrema 5500-8848m

Cochabamba, Bolivia 2550m
Bogotà, Colombia 2645m
Quito, Ecuador 2879m
Cuzco, Perù 3225m
La Paz, Bolivia 3658m
Lhaza, Tibet 3685m
Campo base dell’Everest 5500m
Mt Kilimanjaro 5895m

Una buona assicurazione medica che copra l’evacuazione medica e il rimpatrio è fortemente raccomandata per coloro che viaggiano in zone ad alta quota.

Ci sono rischi associati con l’alta quota inclusa l’esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV), al freddo e al rischio di sviluppare l’altezza.

Considerazioni sul clima:
– Protezione solare
– Maggiore è l’altitudine, maggiore è l’esposizione alle radiazioni UV.

La protezione contro i raggi UV dovrebbe includere:

  • Indossare indumenti che coprono la pelle ed è impermeabile alla luce ultravioletta
  • una maschera facciale o un passamontagna può essere richiesto per proteggere dal freddo e dal sole ad altitudini molto alte ed estreme
  • utilizzando una protezione solare che protegge da UVA, UVB e UVC con un fattore di protezione solare elevato (almeno SPF15)
  • labbra, orecchie e naso devono essere protetti con una protezione solare ad alta protezione
    indossare occhiali da sole che filtrano la luce UV.

Protezione dal freddo
Nelle aree ad altitudini elevate, le basse temperature combinate con livelli più bassi di ossigeno nel sangue aumentano il rischio di congelamento. Il rischio è ancora maggiore in coloro che hanno già scarsa circolazione. Per aiutare a prevenire le lesioni dal freddo:

  • indossare abiti adatti correttamente approvati per climi freddi; guanti, cappelli, calze, stivali
  • una maschera facciale o un passamontagna può essere richiesto per proteggere dal freddo e dal sole ad altitudini molto alte ed estreme
  • tenere asciutte mani e piedi, cambiare prontamente calze e guanti bagnati
    indossare gli occhiali a altitudini molto elevate.

Acclimazione
In quota la pressione dell’aria è inferiore a quella del livello del mare e si abbassa man mano che si sale più in alto. Ciò significa che, sebbene la quantità di ossigeno nell’aria rimanga costante, la quantità di ossigeno assoluto nei polmoni e nel sangue è inferiore.

L’ossigeno è necessario per l’energia e il corpo per funzionare normalmente. Il corpo si adatta ai livelli più bassi di ossigeno e risponde respirando più velocemente e più profondamente e facendo più globuli rossi per trasportare l’ossigeno intorno. Questa risposta, chiamata acclimatazione, richiede circa 3-5 giorni per verificarsi, ma varierà tra gli individui e le condizioni ambientali.

Condizioni mediche preesistenti

Se si prende cura del caso, la maggior parte delle persone può viaggiare verso destinazioni in alta quota. Tuttavia, i viaggiatori con determinate condizioni mediche dovrebbero richiedere un parere medico esperto prima del viaggio per assicurarsi che le loro condizioni siano stabili e non peggiorino per l’altitudine. Queste condizioni non predispongono al mal di montagna.

Questi includono:

diabete
epilessia
condizioni cardiache
condizioni polmonari compresa la broncopneumopatia cronica ostruttiva e l’asma moderato / grave
anemia falciforme.

Gravidanza

La gravidanza non è pensata per aumentare il rischio di mal di montagna, ma se si verifica può causare livelli di ossigeno ridotti nella placenta, che possono essere pericolosi per il feto. Il viaggio fino a un’altitudine di 2500 m è considerato sicuro; l’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di evitare di dormire ad altitudini> 3000 m durante la gravidanza. Le donne incinte che viaggiano in altitudine devono consultare il proprio ostetrico e un consulente di viaggio specializzato prima del viaggio.

Mal d’altitudine – Altitude Sickness

La malattia di altitudine si verifica se il corpo non riesce a, o non ha avuto abbastanza tempo per, acclimatarsi all’altitudine, il meccanismo esatto per questo rimane poco chiaro. Il rischio di mal di montagna aumenta con l’altitudine; fino al 25% soffrirà a 2500m, mentre fino al 75% soffrirà> 4500m.

La malattia di altitudine è al massimo sgradevole; nel peggiore dei casi è una condizione pericolosa per la vita che si sviluppa rapidamente. Esistono tre forme di mal di montagna:

Acute Mountain Sickness (AMS)
Edema polmonare di elevata altitudine (HAPE)
Edema cerebrale ad alta quota (HACE)

Mal di montagna acuta (AMS)

È più probabile che AMS si verifichi in coloro che non impiegano tempo per acclimatarsi correttamente o arrivare direttamente in aree di alta quota, ad es. Cusco in Perù (3300m). Più è alta e più veloce l’ascesa, più è probabile che si verifichi l’AMS. Chiunque può soffrire di AMS indipendentemente dall’età, dal sesso, dal livello di forma fisica o dall’allenamento.

Segni e sintomi di AMS
I sintomi dell’AMS di solito non si sviluppano immediatamente all’arrivo ma si verificano tra le prime 4 – 36 ore di altitudine. Esiste un’ampia variazione nella frequenza di insorgenza e nell’altezza alla quale si verificano. I primi sintomi miti sono simili a quelli di una sbornia:

mal di testa
perdita di appetito
nausea o vomito
affaticamento, sintomi simil-influenzali
vertigini
sonno povero e respiro irregolare durante il sonno.
L’AMS può essere diagnosticato negli adulti utilizzando l’autovalutazione Lake Louise Symptom Score: chiunque abbia recentemente asceso a oltre 2500 metri e abbia un punteggio pari a 3 o più deve essere considerato AMS.

L’ascesa graduale è la misura preventiva più importante, la causa principale del mal di montagna è troppo alta troppo rapidamente

Chi viaggia in gruppo / tour è più a rischio di AMS in quanto il tour segue un itinerario prestabilito che potrebbe non essere adatto a tutti i partecipanti:

  • scegli un viaggio nel tempo per l’acclimatazione graduale integrata
  • idealmente evitare di volare direttamente verso le aree di alta quota
  • impiegare 2-3 giorni per acclimatarsi prima di superare i 3000 m
  • mantenere un buon apporto (non eccessivo) di liquidi
  • esercizio delicato solo per le prime 2 ore
  • mangiare una dieta leggera ma ipercalorica
  • evitare l’alcol.

Acetazolamide (Diamox)
L’acetazolamide (Diamox) può prevenire i sintomi dell’AMS aumentando la velocità con cui il corpo si acclimatizza. Può essere considerato in quelli suscettibili di AMS o in cui una rapida ascesa è inevitabile. Può essere prescritto dal tuo medico di famiglia o da Travel Advisor se ritenuto appropriato per te. Non dovrebbe essere usato come alternativa ad una risalita lenta.

La dose è di 125 mg di acetazolamide (Diamox) due volte al giorno:

considerare la prova a livello del mare per due giorni prima di una visita in alta quota
iniziare 2- 3 giorni prima della salita
interrompere 2-3 giorni dopo aver raggiunto l’altitudine di sonno più alta o una volta iniziata la discesa.
i sintomi dell’AMS possono ancora svilupparsi quando sono in trattamento con Acetazolamide (Diamox) e non devono essere ignorati
se sei allergico agli antibiotici sulfamidici, potresti anche essere allergico all’acetazolamide (Diamox) e potrebbe quindi essere sconsigliabile assumere questo farmaco.
Effetti indesiderati comuni:
aumento della produzione di urina (è un diuretico); formicolio alle dita delle mani e dei piedi, arrossamento del viso e alterazione del gusto, in particolare delle bevande gassate.
Effetti indesiderati comuni:
vertigini, vomito, sonnolenza, confusione ed eruzioni cutanee.
Una serie di altri medicinali e prodotti (tè di coca in Sud America) è stata suggerita per essere di beneficio nella prevenzione dell’AMS. Finora non ci sono prove sufficienti per supportare l’uso di una qualsiasi di queste sostanze.

HACE e HAPE

Se AMS viene ignorato e la risalita continua, esiste il rischio reale che si verifichino entrambe le due forme gravi di mal di montagna: Edema cerebrale di altitudine elevata (HACE) ed edema polmonare di elevata altitudine (HAPE).

L’HACE è dovuta al gonfiore del cervello che si verifica in circa l’1% delle persone che salgono a 3000 m. I sintomi includono:

forte mal di testa
instabilità o incapacità di camminare in linea retta, dal tallone alla punta
vomito
sonnolenza
diventando confuso o irrazionale.
L’HAPE è causato dalla raccolta di liquidi nei polmoni ed è la causa più comune di morte per mal di montagna. I sintomi includono:

mancanza di respiro – questo è progressivo e si verificherà a riposo
marcata stanchezza
impulso veloce
colorazione bluastra della pelle (cianosi).
Entrambe le condizioni sono emergenze mediche e possono essere rapidamente fatali; la discesa deve essere effettuata immediatamente.

La persona che soffre di queste condizioni dovrebbe essere trasportata giù alla quota più bassa; l’ulteriore sforzo peggiorerebbe le loro condizioni. Se la discesa è problematica, potrebbe essere necessaria l’evacuazione dell’aria con l’elicottero (se disponibile).

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Back To Top