Skip to content

Colera, quando vaccinarsi

Il colera è un’infezione diffusa mangiando o bevendo cibo e acqua contaminati da alcuni batteri (Vibrio cholerae sierogruppi O1 e O139) in regioni con scarse condizioni igienico-sanitarie. La diffusione diretta tra le persone può verificarsi ma è rara [2]. Il colera può essere privo di sintomi (asintomatico) o una malattia lieve. Tuttavia, possono verificarsi diarrea acquosa improvvisa (“feci di acqua di riso”) e vomito, che portano alla disidratazione. Alcune infezioni possono causare malattie gravi e, in casi estremi, il colera può essere fatale se non trattato.
Il colera si trova principalmente in Africa e in Asia, ma occasionalmente vengono segnalati casi in Europa e nelle Americhe. Il colera non è un rischio nel Regno Unito (UK); l’ultimo caso acquisito localmente risale al 1893 ed è molto raro tra i viaggiatori del Regno Unito, con la maggior parte dei casi segnalati in viaggiatori che hanno visitato Bangladesh, India o Pakistan. Nel Regno Unito, tra il 2015 e il 2019, sono stati segnalati ogni anno in media 15 casi di colera tra i viaggiatori rimpatriati, con un picco di 17 casi nel 2018. A seguito della pandemia di COVID-19, quando i viaggi internazionali sono stati notevolmente ridotti, solo sono stati segnalati due casi importati nel 2020 e un caso nel 2021.
Dal 2021 è stato segnalato un aumento del colera in tutto il mondo. Nel 2021, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha segnalato casi di colera in 35 paesi, con 23 paesi che hanno segnalato epidemie, principalmente in Africa e nel Mediterraneo orientale. Ciò è continuato nel 2022, con 30 paesi in tutto il mondo che hanno segnalato casi o epidemie di colera e la maggior parte dei paesi che hanno segnalato numeri di casi più elevati rispetto agli anni precedenti. Sono stati 14 i paesi che hanno segnalato casi di colera nel 2022 (tra cui Repubblica Dominicana, Haiti, Libano e Siria) che non avevano segnalato casi l’anno precedente.
Almeno 24 paesi dell’Africa e dell’Asia meridionale hanno segnalato casi di colera all’OMS dall’inizio del 2023. Un’ulteriore diffusione geografica del colera continua ad essere segnalata nel Corno d’Africa, in particolare attorno al triangolo di Mandera, dove si incontrano i confini di Etiopia, Kenya e Somalia.
Esistono vaccini per prevenire il colera, anche se la vaccinazione è consigliata solo ad alcuni viaggiatori, poiché il rischio per la maggior parte dei viaggiatori del Regno Unito è basso.
E’ disponibile un vaccino orale (da bevanda) inattivato contro il colera chiamato VaxChora che protegge contro il sierogruppo O1 del V. cholerae. Questo vaccino è raccomandato solo per i viaggiatori le cui attività o anamnesi medica li mettono a maggior rischio, tra cui:
-operatori umanitari.
-persone che si recano in aree colpite da epidemie di colera e che hanno un accesso -limitato all’acqua potabile e alle cure mediche.
-coloro per i quali la vaccinazione è considerata potenzialmente benefica (persone che non rientrano nei gruppi di cui sopra, ma sono comunque considerate a rischio più elevato).

Consigli per i viaggiatori

Prima del viaggio

Controlla il rischio di colera per la tua destinazione utilizzando il sito web viaggiainsalute.org: informazioni specifiche per paese possono essere trovate nelle nostre pagine Informazioni sul paese e nella sezione Sorveglianza delle epidemie.
Se ritieni di correre un rischio maggiore, fissa un appuntamento con una clinica di viaggio o una farmacia per discutere se il vaccino contro il colera è appropriato per te.

Mentre sei lontano

Seguire le buone precauzioni igieniche relative al cibo e all’acqua e prendersi cura della propria igiene personale.
Quando torni
Chiedi consiglio al medico se sei tornato da un paese affetto da colera e hai:
grave diarrea acquosa e/o vomito.
segni di disidratazione come sensazione di molta sete e/o urina (pipì) di colore giallo scuro e con un forte odore.
Ricorda: comunica all’operatore sanitario che ti ha in cura che hai visitato un paese affetto da colera.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Torna su