skip to Main Content

Herpes Zoster: il Fuoco di Sant’Antonio e il dolore da Nevralgia post erpetica

L’Herpes Zoster, comunemente chiamato Fuoco di Sant’Antonio e della sua più frequente complicanza, la Nevralgia Post Erpetica, sempre più attuale a causa dell’invecchiamento della popolazione.

Dati epidemiologici italiani, infatti, mostrano un’incidenza complessiva di Herpes Zoster di 6,42 casi per mille abitanti/anno nelle persone con più di 50 anni d’età, incidenza progressivamente crescente con l’età, da 3,95 casi/1000 abitanti/anno nella fascia di età di 50‑54 anni fino a 9,06 casi/1000 abitanti/anno nella fascia d’età di 70‑74 anni.

La riattivazione del virus Varicella Zoster in età avanzata può portare a una importante complicanza, la Nevralgia Post Erpetica, nel 24‑31% dei casi.

Secondo la pubblicazione di Piazza (2020), basata su una coorte di 437 pazienti ospedalizzati con Herpes Zoster su 3059, è emerso come il rischio di vasculopatia cerebrale sia fino a 10 volte maggiore, il rischio di patologie cardiovascolari sia fino a 5 volte maggiore e sia fino a 7 volte maggiore per le miocardiopatie non aritmiche nei pazienti ospedalizzati con Herpes Zoster.

banner

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Back To Top