Skip to content

Interim Guidance for Preconception Counseling and Prevention of Sexual Transmission of Zika Virus for Men with Possible Zika Virus Exposure

https://www.viaggiainsalute.org

L’infezione da virus Zika durante la gravidanza è causa di gravi malformazioni congenite. Il CDC aveva precedentemente pubblicato una guida provvisoria sulla consulenza preconcezionale e la prevenzione della trasmissione sessuale del virus Zika nell’ottobre 2016.

Cosa aggiunge questo rapporto?

CDC ora raccomanda che gli uomini con possibile esposizione al virus Zika che stanno pianificando di concepire con il proprio partner aspettino almeno 3 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi o l’ultima possibile esposizione al virus Zika prima di impegnarsi in rapporti sessuali non protetti. Questo periodo di tempo aggiornato si applica anche per prevenire la trasmissione sessuale del virus Zika.

Quali sono le implicazioni per la pratica della sanità pubblica?

Queste raccomandazioni forniscono alle coppie che pianificano una gravidanza i tempi aggiornati previsti per ridurre il rischio di infezione da virus Zika fetale.L’infezione da virus Zika può verificarsi a seguito della trasmissione sessuale o trasmessa dalle zanzare del virus. L’infezione durante la gravidanza è una causa di anomalie cerebrali fetali e altri gravi difetti alla nascita (1,2). CDC ha aggiornato la guida provvisoria per gli uomini con possibile esposizione al virus Zika che 1) stanno pianificando di concepire con il proprio partner o 2) vogliono prevenire la trasmissione sessuale del virus Zika in qualsiasi momento (3). CDC ora raccomanda che gli uomini con possibile esposizione al virus Zika che stanno pianificando di concepire con il proprio partner aspettino almeno 3 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi (se sintomatico) o l’ultima possibile esposizione al virus Zika (se asintomatico) prima di impegnarsi in rapporti sessuali non protetti. CDC ora raccomanda anche che per le coppie che non stanno cercando di concepire, gli uomini possono prendere in considerazione l’uso del preservativo o l’astensione dal sesso per almeno 3 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi (se sintomatica) o l’ultima possibile esposizione al virus Zika (se asintomatica) per ridurre al minimo il rischio per la trasmissione sessuale del virus Zika. Tutte le altre linee guida per il virus Zika rimangono invariate. La definizione di possibile esposizione al virus Zika rimane invariata e include il viaggio o la residenza in un’area a rischio di trasmissione del virus Zika (https://wwwnc.cdc.gov/travel/page/world-map-areas-with-zika) o sesso senza preservativo con un partner che ha viaggiato o vive in un’area a rischio di trasmissione del virus Zika. CDC continuerà ad aggiornare le raccomandazioni non appena saranno disponibili nuove informazioni.Il rischio di sindrome Zika congenita associata all’infezione materna da virus Zika durante il periodo periconcezionale non è noto. L’infezione materna con altri virus (ad esempio, la rosolia) durante il periodo periconcezionale è stata associata a infezione nel feto e a esiti avversi della gravidanza; sebbene in alcuni casi la tempistica dell’infezione rispetto al concepimento fosse incerta (9-13). Ad oggi, non ci sono dati pubblicati che colleghino definitivamente l’infezione da virus Zika intorno al momento del concepimento a esiti avversi della gravidanza.

Dall’ultimo aggiornamento di questa guida il 7 ottobre 2016 (3), sono state riportate ulteriori prove rilevanti per la valutazione del rischio di trasmissione sessuale dell’infezione da virus Zika. È stata eseguita una ricerca bibliografica su PubMed per identificare nuovi studi sull’uomo e dati pubblicati in inglese dall’ottobre 2016. Sono stati esaminati anche i riferimenti per gli articoli inclusi. I termini di ricerca specifici utilizzati includevano “trasmissione sessuale” o “seme” o “liquido seminale” e “Zika”. La ricerca ha prodotto 15 pubblicazioni, inclusi casi clinici, serie di casi e nove studi di coorte, che sono stati esaminati per nuovi dati primari.

Tra i rapporti attualmente disponibili sulla trasmissione sessuale del virus Zika, il periodo più lungo dall’insorgenza dei sintomi nel caso indice alla potenziale trasmissione sessuale a un partner è stato compreso tra 32 e 41 giorni (14); la maggior parte dei rapporti indica intervalli molto più brevi (4). Il periodo più lungo dopo l’insorgenza dei sintomi in cui il virus competente per la replicazione (cioè potenzialmente infettivo) è stato rilevato nel seme mediante coltura o effetto citopatico è stato di 69 giorni (15). Nessun altro studio ha riportato virus Zika potenzialmente infettivi in ​​campioni di seme ottenuti ≥40 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi (16-33).Numerose pubblicazioni hanno riportato il rilevamento dell’RNA del virus Zika nello sperma (4,15-41), sebbene ciò potrebbe non indicare la presenza di virus infettivo al momento del campionamento o essere correlato alla potenziale trasmissione sessuale del virus infettivo. Nel più grande studio di coorte pubblicato fino ad oggi, che ha coinvolto 184 uomini con infezione sintomatica confermata da virus Zika da cui sono stati prelevati un campione di riferimento e campioni seriali di seme a intervalli di 2 settimane, la diffusione dell’RNA del virus Zika nel seme è diminuita durante i 3 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi. 28). Complessivamente, l’RNA del virus Zika è stato rilevato nello sperma nel 61% (22 su 36); 43% (48 su 112); e il 21% (28 su 131) dei partecipanti dai quali i campioni sono stati raccolti rispettivamente entro 30, 31-60 e 61-90 giorni dall’insorgenza della malattia. A > 90 giorni dall’insorgenza della malattia, lo sperma di ≤7% dei partecipanti presentava RNA del virus Zika rilevabile. Il tempo medio stimato per la clearance dell’RNA del virus Zika dallo sperma è stato di 54 giorni (28). Un altro ampio studio di coorte condotto a Porto Rico ha seguito 117 uomini, 89 dei quali hanno fornito campioni di seme e riportato risultati simili: a > 90 giorni dall’insorgenza della malattia, l’11% (8 su 74) degli uomini presentava RNA rilevabile nello sperma (Gabriela Paz-Bailey, Division of Vectorborne Diseases, National Center for Emerging and Zoonotic Infectious Diseases, CDC; comunicazione personale, 2018) (32). Risultati simili sono stati osservati in studi di coorte più piccoli (16,17,23,25,29,37,39). L’RNA del virus Zika è stato rilevato nel liquido seminale fino a 370 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi (17); tuttavia, il rilevamento per lunghi periodi è raro. Dati limitati suggeriscono che l’incidenza della diffusione dell’RNA del virus Zika nel liquido seminale e la sua persistenza dopo l’infezione sono probabilmente simili per gli uomini sintomatici e asintomatici con infezione da virus Zika (40-42).Guida per la consulenza preconcezionale e la prevenzione della trasmissione sessuale
L’ultima guida provvisoria del CDC rilasciata nell’ottobre 2016 si basava sulla durata massima del rilevamento dell’RNA del virus Zika nello sperma. Nell’ultima guida provvisoria, CDC ha raccomandato agli uomini con possibile esposizione al virus Zika di attendere almeno 6 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi (se sintomatica) o l’ultima possibile esposizione al virus Zika (se asintomatico) prima di provare a concepire con il proprio partner (3). I nuovi dati pubblicati da allora supportano un aggiornamento di tale orientamento provvisorio. CDC ora raccomanda che gli uomini con possibile esposizione al virus Zika che stanno pianificando di concepire con il proprio partner aspettino almeno 3 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi (se sintomatico) o l’ultima possibile esposizione al virus Zika (se asintomatico) prima di impegnarsi in rapporti sessuali non protetti. CDC ora raccomanda anche che per le coppie che non stanno cercando di concepire, gli uomini possono prendere in considerazione l’uso del preservativo o l’astensione dal sesso per almeno 3 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi (se sintomatica) o l’ultima possibile esposizione al virus Zika (se asintomatica) per ridurre al minimo il rischio per la trasmissione sessuale del virus Zika. Le raccomandazioni per gli uomini con possibile esposizione al virus Zika la cui partner è incinta rimangono invariate; a queste coppie dovrebbe essere consigliato di usare costantemente e correttamente il preservativo durante i rapporti sessuali o di astenersi dal sesso per tutta la durata della gravidanza (Tabella).

CDC continua a raccomandare un processo decisionale condiviso tra paziente e fornitore, in cui le coppie e gli operatori sanitari lavorano insieme per prendere decisioni sui tempi di attesa prima di provare a concepire dopo una possibile esposizione al virus Zika. Alcune coppie potrebbero scegliere di attendere periodi più o meno lunghi dopo la possibile esposizione al virus Zika, in base a circostanze individuali (ad es. età, fertilità o dettagli della possibile esposizione), giudizio clinico e una valutazione equilibrata dei rischi e dei risultati attesi. Altre linee guida per la consulenza preconcezionale e la prevenzione della trasmissione sessuale del virus Zika dopo una possibile esposizione al virus Zika rimangono invariate (3).
https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/67/wr/mm6731e2.htm?s_cid=mm6731e2_w

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Torna su