Skip to content

Jet Lag – Busness Travel

I viaggiatori d’affari potrebbero dover iniziare a lavorare non appena arrivano a destinazione. Il jet lag può influire sulla tua capacità di lavorare.
È possibile adottare misure per ridurre al minimo gli effetti del jet lag. Se hai qualche giorno prima di partire, prova a spostare il ciclo del sonno di un paio d’ore, a seconda di dove stai andando.
Mangia piccoli pasti per evitare dolori di stomaco o altri problemi, evita l’alcol perché disturba il sonno, beni caffè e fai esercizio in modo strategico, questi possono aiutarti a rimanere vigile durante il giorno, ma evitali la sera. Bere molta acqua. Se hai sonno durante il giorno, fai dei sonnellini brevi per sentirti meglio durante il giorno, ma dormi ancora la notte.

 

RISCHIO PER I VIAGGIATORI
Il jet lag deriva da una mancata corrispondenza tra i ritmi circadiani (24 ore) di una persona e l’ora del giorno nel nuovo fuso orario. Quando si stabilisce il rischio, i medici dovrebbero prima determinare quanti fusi orari il viaggiatore attraverserà e quale sarà la discrepanza tra l’ora del giorno a casa e quella a destinazione. Durante i primi giorni dopo un volo verso un nuovo fuso orario, i ritmi circadiani di una persona sono ancora “ancorati” all’ora del giorno a casa. I ritmi si adattano quindi gradualmente al nuovo fuso orario. Un utile strumento basato sul Web per informazioni sui viaggi nel fuso orario mondiale è disponibile all’indirizzo www.timeanddate.com/worldclock/converter.html. Se vengono attraversati ≤3 fusi orari, qualsiasi sintomo come la stanchezza è probabilmente dovuto all’affaticamento del viaggio piuttosto che al jet lag significativo e presto diminuirà.

Molte persone che viaggiano a più di 3 fusi orari per una vacanza accettano il rischio del jet lag come un inconveniente transitorio e lieve, mentre altre persone che viaggiano per affari o per competere in eventi sportivi desiderano consigli chiari su misure profilattiche e trattamenti. Se si trascorrono ≤2 giorni nel nuovo fuso orario, alcune persone potrebbero preferire ancorare il proprio programma sonno-veglia all’ora del giorno a casa per quanto possibile. In tal modo, il “carico” totale del jet lag risultante dal breve viaggio di andata e ritorno è ridotto al minimo.

PRESENTAZIONE CLINICA
La sintomatologia del jet lag può essere spesso difficile da definire a causa delle variazioni tra le persone, ma anche perché la stessa persona può manifestare sintomi diversi dopo ogni volo. I viaggiatori con jet lag in genere manifestano ≥1 dei seguenti sintomi dopo un volo attraverso >3 fusi orari:

Scarso sonno, inclusa la difficoltà ad iniziare il sonno alla solita ora della notte (dopo i voli verso est), il risveglio precoce (dopo i voli verso ovest) e il sonno frazionato (dopo i voli in entrambe le direzioni)
Scarse prestazioni nei compiti fisici e mentali durante la nuova giornata
Sentimenti negativi come stanchezza, mal di testa, irritabilità, ansia, incapacità di concentrazione e depressione
Disturbi gastrointestinali e diminuzione dell’interesse e del godimento dei pasti
I sintomi sono difficili da distinguere dalla stanchezza generale derivante dal viaggio internazionale stesso, nonché da altri fattori di viaggio come l’ipossia nella cabina dell’aeromobile.

TRATTAMENTO
Poiché la luce e i contatti sociali influenzano i tempi dei ritmi circadiani interni, un viaggiatore che si trova nel fuso orario per più di 2 giorni dovrebbe cercare di seguire le abitudini sonno-veglia della popolazione locale il più possibile e il più rapidamente possibile. Questo approccio può essere integrato con le seguenti informazioni su trattamenti specifici.

Luce

L’esposizione a una luce intensa può far avanzare o ritardare i ritmi circadiani umani a seconda di quando viene ricevuta rispetto all’ora dell’orologio biologico di una persona. Di conseguenza, sono stati formulati programmi per i tempi “buoni” e “cattivi” proposti per l’esposizione alla luce dopo l’arrivo in un nuovo fuso orario.

Dopo i voli che attraversano un gran numero di fusi orari, il miglior tempo circadiano proposto per l’esposizione alla luce subito dopo il volo potrebbe effettivamente essere quando è ancora buio nel nuovo fuso orario, il che solleva la questione se l’esposizione alla luce supplementare da un “scatola luminosa” è utile. Sfortunatamente, ad oggi, è stato condotto solo 1 piccolo studio randomizzato controllato sulla luce brillante supplementare per ridurre il jet lag. Non sono stati rilevati effetti clinicamente rilevanti della luce supplementare sui sintomi del jet lag dopo un volo attraverso 5 fusi orari in direzione ovest.

Dieta e attività fisica

La maggior parte degli interventi dietetici non è stata trovata per ridurre i sintomi del jet lag. In uno studio recente, gli equipaggi di volo a lungo raggio hanno mostrato un piccolo miglioramento nella loro valutazione soggettiva generale del jet lag, ma non i sintomi separati del jet lag o della vigilanza, nei loro giorni di riposo dal lavoro quando hanno adottato orari dei pasti più regolari. Poiché il disturbo gastrointestinale è un sintomo comune, i pasti più piccoli prima e durante il volo potrebbero essere meglio tollerati rispetto ai pasti più abbondanti. La caffeina e l’attività fisica possono essere utilizzate strategicamente a destinazione per migliorare la sonnolenza diurna, ma poche prove indicano che questi interventi riducano la sensazione generale di jet lag. Qualsiasi presunto trattamento supportato da omeopatia, aromaterapia e digitopressione non ha basi scientifiche.

Farmaci 

I farmaci da prescrizione come il temazepam, lo zolpidem o lo zopiclone possono ridurre la perdita di sonno durante e dopo il viaggio, ma non necessariamente aiutano a risincronizzare i ritmi circadiani o a migliorare i sintomi generali del jet lag. Se indicato, per i primi giorni dovrebbe essere prescritta la dose efficace più bassa di un composto ad azione da breve a media, tenendo presente gli effetti avversi di questi farmaci.

L’assunzione di ipnotici durante un volo deve essere considerata con cautela poiché l’immobilità che ne deriva potrebbe aumentare il rischio di trombosi venosa profonda. L’alcol non dovrebbe essere usato dai viaggiatori come coadiuvante del sonno, perché disturba il sonno e può provocare apnea notturna ostruttiva.

Melatonina e analoghi del recettore della melatonina

La melatonina viene secreta di notte dalla ghiandola pineale ed è probabilmente il trattamento più noto per il jet lag. La melatonina ritarda i ritmi circadiani se assunta durante la fase di aumento della temperatura corporea (di solito al mattino) e fa avanzare i ritmi se ingerita durante la fase di calo della temperatura corporea (di solito la sera). Questi effetti sono opposti a quelli della luce intensa.

Le istruzioni sulla maggior parte dei prodotti a base di melatonina consigliano ai viaggiatori di assumerla prima del sonno notturno nel nuovo fuso orario, indipendentemente dal numero di fusi orari attraversati o dalla direzione del viaggio. Gli studi pubblicati a metà degli anni ’80 indicavano un sostanziale beneficio della melatonina (appena prima di dormire) nel ridurre la sensazione generale di jet lag dopo i voli. Tuttavia, successivi studi più ampi non hanno replicato i risultati precedenti.

La melatonina è considerata un integratore alimentare negli Stati Uniti e non è regolamentata dalla Food and Drug Administration. Pertanto, la concentrazione pubblicizzata di melatonina non è stata confermata per la maggior parte dei prodotti a base di melatonina sul mercato e non si può escludere la presenza di contaminanti nel prodotto.

Ramelteon, un agonista del recettore della melatonina, è un trattamento approvato dalla FDA per l’insonnia. Una dose di 1 mg assunta appena prima di coricarsi può ridurre la latenza dell’inizio del sonno dopo un viaggio verso est attraverso 5 fusi orari. Dosi più elevate non sembrano portare a ulteriori miglioramenti e gli effetti del farmaco su altri sintomi del jet lag e sui tempi dei ritmi circadiani non sono così chiari.

Trattamenti combinati

Terapie multiple per ridurre i sintomi del jet lag possono essere combinate in pacchetti di trattamento. Sebbene i guadagni marginali derivanti da più trattamenti possano aggregarsi, mancano prove da robusti studi randomizzati controllati per la maggior parte di questi pacchetti di trattamento. È stato pilotato un pacchetto di trattamenti che offre consulenza su misura tramite un’applicazione mobile per essere utilizzato per diversi mesi di volo frequente. I partecipanti hanno riportato una riduzione dell’affaticamento rispetto al gruppo di confronto e un miglioramento degli aspetti del comportamento correlato alla salute come l’attività fisica, gli spuntini e la qualità del sonno, ma non altre misure del sonno (latenza, durata, uso di farmaci correlati al sonno).

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Torna su