skip to Main Content

Outbreak di polmonite nella città di Wuhan, Hubei, Cina

lo scoppio in corso di polmonite nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina, è stato collegato a un coronavirus appena scoperto.

Al 25 gennaio 2020, 1.317 casi e 41 decessi sono stati segnalati ufficialmente dalla Commissione nazionale cinese per la salute dalla Cina continentale. La maggior parte, ma non tutti i casi, erano stati o si trovano nella provincia di Hubei (compresa la città di Wuhan).

Secondo la Commissione nazionale cinese per la salute, i casi vengono ora segnalati in 29 province della Cina, ma la ripartizione a livello di provincia dei numeri dei casi non è stata fornita dalla Commissione nazionale cinese per la salute per il 25 gennaio 2020. Il quarto rapporto sulla situazione dell’Organizzazione mondiale della sanità ( dati al 24 gennaio 2020) afferma che di tutti i casi confermati riportati dalla Cina continentale e dove è stata specificata una provincia, l’84% proveniva dalla provincia di Hubei (compresa la città di Wuhan).

Inoltre, a partire dal 25 gennaio 2020 (09:15) è stato diagnosticato un piccolo numero di casi, principalmente nei viaggiatori di Wuhan, in Australia (1 caso), Francia (3 casi), Hong Kong (5 casi), Giappone ( 2 casi), Macao (2 casi), Repubblica di Corea (2 casi), Singapore (3 casi), Taiwan (3 casi), Thailandia (5 casi), Stati Uniti d’America (2 casi) e Vietnam (2 casi).

Questa è una situazione nuova e in rapida evoluzione in cui le informazioni sui casi e sul virus vengono raccolte e valutate quotidianamente.

Ulteriori informazioni sul coronavirus sono disponibili qui.

Consiglio ai viaggiatori

Il rischio per la popolazione che viaggia a Wuhan è considerato moderato.

Prima della partenza

Controlla i consigli di viaggio (restrizioni) per gli ultimi consigli – Foreign and Commonweath Office
Preparati- Prima di partire, chiedi consiglio al tuo medico per garantire che possano essere organizzate le vaccinazioni e le compresse antimalariche necessarie (se necessarie). Se possibile, farlo con largo anticipo (almeno 4 settimane), poiché i cicli di vaccinazione potrebbero richiedere del tempo. Al momento non è disponibile un vaccino per la protezione da un nuovo coronavirus. Questa è anche una buona opportunità per discutere di altri problemi di salute dei viaggi.
Assicurati sempre di avere una copertura assicurativa sanitaria – L’assicurazione di viaggio è essenziale e deve coprire l’evacuazione medica e il rimpatrio in caso di malessere e di essere trasportato a casa.
Prendi in considerazione la possibilità di prendere un kit di pronto soccorso: questo dovrebbe includere un piccolo kit di pronto soccorso di base, che include alcuni mezzi per controllare la temperatura corporea, un termometro o strisce da posizionare sulla fronte e strofinare a base di alcol per l’igiene delle mani.

Durante il viaggio

Lavarsi le mani. Il lavaggio frequente e accurato delle mani è uno dei modi più importanti per prevenire la diffusione dell’infezione. Se non sono disponibili sapone, acqua pulita e asciugamani, è possibile utilizzare lo strofinamento con alcool. Evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca a meno che le mani non siano pulite.
Evitare il contatto ravvicinato con le persone che sembrano indisposte e i loro oggetti personali.
Evitare il contatto con animali, pollame (polli, anatre, oche, piccioni, quaglie) o uccelli selvatici e i luoghi in cui sono presenti, ad esempio mercati di uccelli / animali, allevamenti commerciali o di cortile. Evitare anche il contatto con animali o uccelli malati o morti.
Non mangiare pollame o carne crudi o poco cotti. Tutta la carne e il pollame, comprese le uova, devono essere cotte accuratamente.
In caso di malessere, febbre, tosse o difficoltà respiratorie, consultare immediatamente un medico. L’ambasciata britannica può aiutare a contattare l’assistenza medica e i parenti. Rinviare qualsiasi altro viaggio fino a quando non si sta di nuovo bene.
Non tentare di riportare animali vivi, pollame o prodotti avicoli nel paese.

Al ritorno a casa

Presta attenzione alla tua salute al ritorno, in particolare nei primi 14 giorni.
Se si sviluppano sintomi come quelli sopra menzionati o qualsiasi altra malattia simil-influenzale o respiratoria durante questo periodo, consultare immediatamente un medico. Contatta una delle seguenti:
Il tuo medico di famiglia

Prima di visitare una struttura sanitaria (ad esempio il tuo centro sanitario o un ospedale), telefona in anticipo, descrivi i tuoi sintomi e fornisca i dettagli della tua storia di viaggio recente.
Segui i consigli che ti vengono dati.
Non viaggiare mentre non ti senti bene e limitare il più possibile il contatto con gli altri per prevenire la diffusione di qualsiasi malattia infettiva fino a quando non puoi essere visto da un medico.
Seguire le buone pratiche igieniche: coprire naso e bocca quando si tossisce o starnutisce, utilizzare i tessuti una sola volta, smaltirli prontamente e accuratamente, lavarsi le mani frequentemente.

 

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Back To Top