skip to Main Content

Vaccine Effectiveness, how Well Do Flu Vaccines Work?

Quanto sono efficaci i vaccini antinfluenzali?
CDC conduce studi ogni anno per determinare in che modo i vaccini antinfluenzali (influenza) proteggono dall’influenza. Sebbene l’efficacia del vaccino (VE) possa variare, studi recenti mostrano che la vaccinazione antinfluenzale riduce il rischio di malattie influenzali tra il 40% e il 60% tra la popolazione complessiva durante le stagioni in cui la maggior parte dei virus influenzali circolanti sono ben abbinati a quelli utilizzati per produrre vaccini antinfluenzali . In generale, gli attuali vaccini antinfluenzali tendono a funzionare meglio contro i virus dell’influenza B e dell’influenza A(H1N1) e offrono una protezione inferiore contro i virus dell’influenza A(H3N2). Vai a “L’efficacia del vaccino antinfluenzale varia in base al tipo o al sottotipo?” e “Perché il vaccino antinfluenzale in genere è meno efficace contro i virus dell’influenza A H3N2?”
Quali sono i fattori che influenzano il funzionamento dei vaccini antinfluenzali?
Il modo in cui funzionano i vaccini antinfluenzali (o la loro capacità di proteggersi da un determinato esito) può variare da stagione a stagione. La protezione può variare a seconda di chi viene vaccinato. Almeno due fattori giocano un ruolo importante nel determinare la probabilità che la vaccinazione protegga una persona dalla malattia influenzale: 1) caratteristiche della persona vaccinata (come età e salute) e 2) quanto bene i vaccini “corrispondano” al virus influenzali che si diffondono nella comunità. Quando i vaccini antinfluenzali non sono ben abbinati a uno o più virus influenzali circolanti, è possibile che la vaccinazione possa fornire poca o nessuna protezione dalle malattie causate da quei virus, ma fornisca comunque protezione contro altri virus influenzali che circolano durante la stagione. Quando c’è una buona corrispondenza tra vaccini antinfluenzali e virus circolanti, la vaccinazione fornisce vantaggi sostanziali prevenendo malattie e complicazioni influenzali.

Ogni stagione influenzale, i ricercatori cercano di determinare in che modo i vaccini antinfluenzali funzionano come intervento di salute pubblica. Le stime di come funziona un vaccino antinfluenzale possono variare in base al disegno dello studio, ai risultati misurati, alla popolazione studiata e al tipo di vaccino antinfluenzale. Le differenze tra gli studi devono essere considerate quando si confrontano i risultati.

Quali sono i vantaggi della vaccinazione antinfluenzale?
Ci sono molte ragioni per ottenere un vaccino antinfluenzale (influenza) ogni anno.

Di seguito è riportato un riepilogo dei benefici della vaccinazione antinfluenzale e studi scientifici selezionati che supportano questi benefici.

La vaccinazione antinfluenzale può impedirti di ammalarti di influenza.
Il vaccino antinfluenzale previene milioni di malattie e visite mediche legate all’influenza ogni anno. Ad esempio, durante il 2019-2020, l’ultima stagione influenzale prima della pandemia di COVID-19, la vaccinazione antinfluenzale ha prevenuto circa 7,5 milioni di malattie influenzali, 3,7 milioni di visite mediche associate all’influenza, 105.000 ricoveri associati all’influenza e 6.300 decessi associati all’influenza .
Durante le stagioni in cui i virus del vaccino antinfluenzale sono simili ai virus dell’influenza circolanti, è stato dimostrato che il vaccino antinfluenzale riduce il rischio di dover andare dal medico con l’influenza dal 40% al 60%.
In diversi studi è stato dimostrato che la vaccinazione antinfluenzale riduce la gravità della malattia nelle persone che vengono vaccinate ma si ammalano comunque.
Uno studio del 2021 ha mostrato che tra gli adulti ricoverati in ospedale per influenza, i pazienti vaccinati avevano un rischio inferiore del 26% di ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) e un rischio inferiore del 31% di morte per influenza rispetto a quelli non vaccinati.
Uno studio del 2018 ha mostrato che tra gli adulti ricoverati in ospedale per influenza, i pazienti vaccinati avevano il 59% di probabilità in meno di essere ricoverati in terapia intensiva rispetto a quelli che non erano stati vaccinati. Tra gli adulti in terapia intensiva con influenza, i pazienti vaccinati hanno trascorso in media quattro giorni in meno in ospedale rispetto a quelli non vaccinati.
La vaccinazione antinfluenzale può ridurre il rischio di ospedalizzazione associata all’influenza.
Il vaccino antinfluenzale previene decine di migliaia di ricoveri ogni anno. Ad esempio, nel periodo 2019-2020 la vaccinazione antinfluenzale ha evitato circa 105.000 ricoveri correlati all’influenza.
Uno studio del 2018 ha mostrato che dal 2012 al 2015 la vaccinazione antinfluenzale tra gli adulti ha ridotto dell’82% il rischio di essere ricoverati in terapia intensiva con l’influenza.
Uno studio del 2017 ha rilevato che nel periodo 2009-2016 i vaccini antinfluenzali hanno ridotto in media di circa il 40% il rischio di ospedalizzazione associata all’influenza tra gli anziani.
Uno studio del 2014 ha dimostrato che la vaccinazione antinfluenzale ha ridotto del 74% il rischio di ricovero in unità di terapia intensiva pediatrica (PICU) correlata all’influenza durante la stagione influenzale dal 2010 al 2012.
La vaccinazione antinfluenzale è un importante strumento preventivo per le persone con determinate condizioni di salute croniche.
La vaccinazione antinfluenzale è stata associata a tassi più bassi di alcuni eventi cardiaci tra le persone con malattie cardiache, in particolare tra coloro che hanno avuto un evento cardiaco nell’ultimo anno.
La vaccinazione antinfluenzale può ridurre il rischio di un peggioramento correlato all’influenza della malattia polmonare cronica (ad esempio, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) che richiede il ricovero in ospedale).
Tra le persone con diabete e malattie polmonari croniche, in studi separati è stato dimostrato che la vaccinazione antinfluenzale è associata a una riduzione dei ricoveri a causa di un peggioramento della loro condizione cronica.
La vaccinazione antinfluenzale durante la gravidanza aiuta a proteggere le persone in gravidanza dall’influenza durante e dopo la gravidanza e aiuta a proteggere i loro bambini dall’influenza nei primi mesi di vita.
La vaccinazione riduce di circa la metà il rischio di infezioni respiratorie acute associate all’influenza nelle persone in gravidanza.
Uno studio del 2018 ha mostrato che sottoporsi a un vaccino antinfluenzale ha ridotto il rischio di una persona incinta di essere ricoverata in ospedale con l’influenza in media del 40% dal 2010 al 2016.
Numerosi studi hanno dimostrato che, oltre ad aiutare a proteggere le persone in gravidanza dall’influenza, un vaccino antinfluenzale somministrato durante la gravidanza aiuta a proteggere il bambino dall’influenza per diversi mesi dopo la nascita, quando i bambini sono troppo piccoli per essere vaccinati.
Il vaccino antinfluenzale può salvare la vita nei bambini.
Uno studio del 2022 ha mostrato che la vaccinazione antinfluenzale ha ridotto del 75% il rischio di un’influenza grave pericolosa per la vita nei bambini.
Uno studio del 2020 ha rilevato che durante la stagione influenzale 2018-2019, la vaccinazione antinfluenzale ha ridotto del 41% i ricoveri correlati all’influenza e della metà le visite al pronto soccorso legate all’influenza tra i bambini (di età compresa tra 6 mesi e 17 anni).
Uno studio del 2017 è stato il primo del suo genere a dimostrare che la vaccinazione antinfluenzale può ridurre significativamente il rischio di morte per influenza dei bambini.
Farsi vaccinare da soli può anche proteggere le persone intorno a te, comprese quelle più vulnerabili a gravi malattie influenzali, come neonati e bambini piccoli, anziani e persone con determinate condizioni di salute croniche.
Nonostante i numerosi vantaggi offerti dalla vaccinazione antinfluenzale, solo circa la metà degli americani riceve un vaccino antinfluenzale annuale. Durante una stagione influenzale media, l’influenza può causare milioni di malattie, centinaia di migliaia di ricoveri e decine di migliaia di morti. Molte più persone potrebbero essere protette dall’influenza se più persone venissero vaccinate.


Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Back To Top